Il gruppo chierichetti ha lo scopo di avvicinare ragazzi e ragazze alla celebrazione eucaristica, attraverso il servizio all’altare.
Quest’anno, coerentemente con il tema …in questa sosta che la rinfranca proposto a livello diocesano per la pastorale, anche il gruppo chierichetti si propone una sosta per contemplare con stupore i passi già compiuti e per immaginare con fiducia quelli di domani.

In particolare il sostanzioso aumento numerico del gruppo negli ultimi anni chiede questa sosta, come quando in una escursione ci si ferma per vedere la strada fatta, per riposarsi e poter capire la strada migliore per continuare il cammino.
Ciò significa innanzitutto aiutare i ragazzi e le ragazze a crescere nella consapevolezza del loro servizio, attraverso incontri specifici che gli mostrino la preziosità di ciò che fanno e che diano loro strumenti per svolgere questo incarico nel migliore dei modi.
Inoltre manteniamo il tradizionale contatto col Seminario Minore diocesano, convinti che quello dei chierichetti sia terreno fertile di giovani vocazioni e che la collaborazione con questa preziosa struttura non possa che aiutare una crescita cristiana dei chierichetti.

Gli appuntamenti hanno un cadenza approssimativamente bimensile, con maggior frequenza nella prossimità delle maggiori feste dell’anno liturgico.
Questi sono principalmente volti a alla formazione, ma non mancano momenti più ludici, legati all’età dei chierichetti.
Riteniamo fondamentale la collaborazione della famiglia, prima formatrice cristiana dei ragazzi; per questa ragione alcuni incontri prevedono momenti di convivialità con chierichetti e genitori oppure uscite insieme.

Infine, è stato introdotto un breve percorso di formazione per nuovi chierichetti, che prima di entrare a pieno titolo nel gruppo sono invitati a tre incontri domenicali pensati appositamente per loro, per essere introdotti al servizio.

Il gruppo è seguito da Giovanni Zago e da alcuni ragazzi delle superiori che sono stati chierichetti per molti anni e ora donano il loro aiuto per la crescita di chierichetti più giovani.