Il vangelo di questa domenica ci introduce perfettamente nel grande dono della misericordia che i nostri ragazzi del quarto discepolato vivranno sabato prossimo, 2 aprile, accompagnati dai genitori e con la vicinanza spirituale della nostra comunità. Il sacramento del perdono è quella grandiosa esperienza che il Signore ci regala per dirci che Lui è più grande del nostro peccato e che è sempre possibile ricominciare con una vita rinnovata, grazie al suo aiuto. Alle 15.30 ci troveremo direttamente in chiesa per vivere insieme la grazia della riconciliazione. E domenica 3 aprile faremo festa insieme per ringraziare il Signore nella Messa comunitaria delle 9.30.

Questa domenica, 6 marzo, i nostri amici dell’anno dei Sacramenti vivranno il momento importante del Rito della Chiamata che li porterà a prepararsi in modo più intenso e immediato alla ricezione dei sacramenti della Iniziazione cristiana (Cresima ed Eucaristia). E’ un passo di consapevolezza e di disponibilità a continuare a fare passi di vita cristiana seguendo come punto di riferimento il Signore Gesù. Tutta la comunità parrocchiale è coinvolti nell’accompagnare con la vicinanza e la preghiera.

La Quaresima di fraternità 2022 accoglie come filo conduttore l’icona biblica del Sinodo diocesano: la chiamata di Abramo, padre dei credenti. Ogni missionario si mette in ascolto della Parola di Dio, le obbedisce e con fiducia si mette in movimento, verso una terra che non si sceglie da soli, ma che ci è indicata e donata. Il cammino di Abramo, nostro padre nella fede, ispira ed illumina quindi il loro (e nostro) cammino. La promessa di Dio ad Abramo è bella ed affidabile: «Farò di te un grande popolo… diventerai una benedizione»: vale per chi parte fisicamente rappresentandoci tutti nella missione ai popoli. Vale anche per ciascun credente: il tempo di Quaresima e di Pasqua è un tempo favorevole. Di settimana in settimana incontreremo e mediteremo sei verbi che caratterizzano la fede di Abramo, verbi che ispirano il percorso sinodale e che si intrecciano alle letture proposte per le domeniche di Quaresima. Il giorno delle Ceneri saremo invitati all’ascolto.

Concretamente collaboreremo con la nostra generosità verso le missioni diocesane attraverso la cassettina che verrà distribuita a chi desidera il giorno delle Ceneri e ai ragazzi della catechesi nel loro primo prossimo incontro. Abbiamo scelto di sostenere due progetti: La formazione dei catechisti in Amazzonia (Brasile) dove operano i nostri missionari e un sostegno ai bisogno essenziali dei campi profughi birmani in Myanmar. Nelle prossime settimane daremo ampie presentazioni dei progetti.

Abbiamo ripreso con fiducia e una certa continuità i nostri appuntamenti di Iniziazione cristiana con i ragazzi e i loro genitori. Sentiamo l’importanza di questi percorsi e quanto sia penalizzante non poter vivere con costanza questi appuntamenti che aiutano la crescita di fede dei nostri figli. Sosteniamoli in questa scelta e in questo cammino, anche con la partecipazione alla vita liturgica della comunità.

Tra i segni natalizi, che ci sono cari, abbiamo sicuramente il canto della chiara stella e il presepe. La Chiarastella continua anche questa settimana e ci accompagnerà fino all’antivigilia di Natale grazie al coordinamento dell’Azione Cattolica e la partecipazione dei giovanissimi e dei ragazzi dell’Iniziazione cristiana (anche i genitori, se vogliono). L’orario solito dalle 19.00 alle 21.00 circa.
- Martedì 14 dicembre: Quartiere nuovo via Zuliani, via Fogazzaro, via Montale.
- Mercoledì 15 dicembre: via Piazzola (fino a Sunglass), Quartiere del Donatore e Quartiere delle Rose.
- Giovedì 16 dicembre: via Roma (dal semaforo)
Mentre ringraziamo chi si sta prestando a realizzare i vari presepi nei diversi luoghi della parrocchia, invitiamo a realizzare questo bel segno cristiano nelle nostre case e di portare il bambino Gesù domenica
19 dicembre
per benedirlo alla conclusione della S. Messa. Lo deporremo poi nel presepio la notte di Natale.

 

Dopo un inizio gioioso ed entusiastico della catechesi di Iniziazione cristiana, grazie al bel tempo, alla puntigliosa preparazione degli educatori e catechisti, alla partecipazione numerosa dei bambini e dei ragazzi, della qualità di incontro offerto ai genitori, continuiamo il nostro cammino con decisione e costanza. Ricordiamo i due fondamentali per camminare spediti: l’appuntamento catechistico e la partecipazione alla celebrazione domenicale. Per usare una immagine sportiva è l’equivalente dell’allenamento (catechesi) e della partita (S. Messa). Continuiamo con gioia e generosità alla scoperta di tanti doni che rendono più bella la vita.

Cosa vuoi che io ti faccia?” E’ questa la domanda/proposta che Gesù rivolge al protagonista del vangelo di questa domenica e in realtà possiamo pensarlo pure rivolta a noi: comunità cristiana di Villafranca, bambini e ragazzi della Iniziazione cristiana, genitori e famiglie, educatori e catechisti. Cosa desideriamo che Gesù realizzi per noi? Cosa gli chiediamo? Sentiamo che potremmo spenderci tutto un anno di passi insieme per rispondere. E’ ciò che cercheremo di fare in questo nuovo tratto di percorso di fede, e che oggi cominciamo con il botto, per piccoli e grandi. Concretamente al mattino sono invitate le elementari alle ore 9.15 con la S. Messa in chiesa, quindi attività e giochi per i bambini in patronato e incontro per i genitori in Santuario, il tutto termina alle 12.15. Al pomeriggio sono invitate le medie alle ore 15.00 con attività e giochi in patronato, alle ore 16.00 i genitori in chiesa parrocchiale e alle ore 17.30 conclusione con la S. Messa. Non possiamo mancare a questo invito per iniziare alla grande un nuovo cammino fatto di entusiasmo e di scoperte.

Domenica scorsa abbiamo compiuto un gesto di grande rilevanza nel benedire e inviare (mandato) i nostri educatori, catechisti e accompagnatori per l’annuncio del vangelo di Gesù ai nostri piccoli e
ai loro genitori. In realtà il Signore è sempre una persona tutta da scoprire e da frequentare, da conoscere e da incontrare. “Testimoni e profeti”, messaggio del mese missionario di quest’anno, si può
applicare benissimo anche a chi si accinge a fare un percorso di Iniziazione Cristiana nella nostra parrocchia. Ci siamo incontrati anche con tutti i genitori per presentare, almeno a grandi linee, il cammino di
quest’anno (chi non ha potuto esserci si rivolgerà a don Giuseppe per un saluto e ritirare e consegnare il modulo di iscrizione). Davanti a noi abbiamo il grande inizio della Festa dell’Ic-ciao per partire insieme e con entusiasmo. Per evitare assembramenti ci diamo appuntamento al mattino per le elementari (ore 9.15) e al pomeriggio per le medie (ore 15.00).

Questa domenica avremo il primo grande momento di partenza del nostro cammino catechistico con il mandato degli educatori catechisti ed accompagnatori: la parrocchia di Villafranca benedice e invia alcuni suoi figli per accompagnare bambini e ragazzi, assieme ai loro genitori, alla scoperta del Vangelo e all’incontro con Gesù, dentro il tessuto di relazioni della comunità cristiana. L’appuntamento sarà nella Messa delle 9.30 per tutti i gruppi (a parte gli amici della Fraternità 14enni di terza media che sarà alle ore 11.00 e l’Anno dei Sacramenti che sarà sabato 16 ottobre). Preghiamo tutti per queste persone che si sono messe a disposizione per fare crescere nella fede altri fratelli e sorelle, li sosteniamo con la stima e la vicinanza. Mettiamo inoltre in agenda l’inizio festoso di questo anno formativo programmato per domenica 24 di  ottobre con la Festa del Ciao, elementari al mattino e medie al pomeriggio. I dettagli verranno forniti a breve, anche nei nostri gruppi wa.

Abbiamo sentito, come educatori, l’esigenza di offrirci un percorso formativo su ciò che per noi cristiani cattolici sono tra i tesori più preziosi: i Sacramenti delle fede, veri e propri doni graziosi di Gesù che ci raggiungono attraverso la sua sposa che è la Chiesa. Per questo approfondiremo il Battesimo (5 ottobre), la Confermazione (19 ottobre), la Eucaristia (2 novembre) e la Penitenza (16 novembre) sempre a Taggì di Sopra (ore 21.00). Tutto ciò sarà di aiuto per noi e per chi accompagneremo.

Già domenica scorsa ci siamo trovati come educatori e accompagnatori (Sinodo catechistico) per pregare e per riflettere, per confrontarci e decidere scelte di fondo, per offrire il meglio ai nostri ragazzi e ai loro genitori. Sentiamo forte la grande sfida di comunicare il vangelo oggi ma il Signore continua a chiamare e abbiamo dato la nostra disponibilità a dargli una mano. I prossimi giorni ci troveremo tra equipe e quindi inviteremo i genitori a partecipare alla presentazione del nuovo anno catechistico. Ci sarà un inizio graduale che coinvolgerà i genitori e i loro figli, proporrà incontri e momenti di celebrazione. Vogliamo cominciare a ritessere relazioni che possono essersi allentate o addirittura sfilacciate in questo periodo che stiamo vivendo. Il primo appuntamento catechistico resta l’Eucaristia domenicale. Invitiamo tutte le famiglie dei nostri ragazzi a partecipare a questo appuntamento che il Signore propone ai suoi amici.

Un altro passaggio fondamentale delle prossime settimane sarà un incontro di inizio percorso per tutti coloro che collaborano all’Iniziazione cristiana dei ragazzi: educatori catechisti accompagnatori dei genitori. Sentiamo tutti la sfida pedagogica e di fede che ci pongono le nuove generazioni (bambini, ragazzi, giovani, giovani coppie, genitori 40enni) e per questo dopo due tappe intermedie a livello personale e di equipe ci diamo questo momento di riflessione e programmazione nel pomeriggio del 19 settembre per fare il punto: ascolto, lettura della realtà, preghiera, dialogo, confronto, decisioni, scelte prioritarie, tutto per “Ripartire insieme” come suggerisce l’Ufficio Catechistico nazionale. Come vedete la proposta di catechesi va ben oltre il piccolo incontrino catechistico ben organizzato o alla recezione di un Sacramento, pur importante. Accompagniamo con stima e una preghiera, chi si mette al servizio della comunità. Se qualche nuova persona si mette a disposizione, siamo pronti ad accoglierla.