Questa domenica, 8 maggio, oltre che essere festa della mamma, si celebra in tutta la chiesa la giornata per le vocazioni, dal titolo “Fare la storia”. Ci siamo preparati in modo speciale con una bella veglia preparata dalle suore elisabettine in collaborazione con alcune giovani della parrocchia. Abbiamo ascoltato la testimonianza vocazionale di Suor Martina Giacomini che quest’anno celebra i 25 anni di vita religiosa. Siamo riconoscenti per questo dono e continuiamo a pregare perché tutti i giovani scoprano la propria vocazione e la vivano in pienezza. Nelle celebrazioni di questa quarta domenica di Pasqua continueremo a pregare perché ciascuno e ciascuna, nella chiesa e nel mondo, possa trovare e vivere il proprio posto e dare il meglio di sé nel grande disegno di Dio per l’umanità. Facciamo nostra questa apposita preghiera:


Signore, Dio del tempo e della storia
Dio della vita e della bellezza, Dio del sogno e della realtà
ascoltaci, ti preghiamo: insegnaci a tessere e intrecciare trame e ricami d’amore
profondi e veri con te e per te, con gli altri e per gli altri
immergici nell’operosità delle tue mani, nella creatività dei tuoi pensieri, nell’arte amorosa del tuo
cuore perché ogni vita annunci bellezza e ogni bellezza parli di te.
Regalaci il coraggio dell’inquietudine, l’intrepido passo dei sognatori
la felice concretezza dei piccoli perché riconoscendo nella storia la tua chiamata viviamo con
letizia la nostra vocazione.
Amen

 

Domenica prossima, 8 maggio, oltre che essere festa della mamma, sarà celebrata la giornata per tutte le vocazioni. Sarà un’occasione per riflettere sul senso della vita e su come spenderla. Quest’anno saremo aiutati da un bella coincidenza: i 25 anni di vita religiosa di suor Martina Giacomini che è nata e cresciuta nella nostra parrocchia. Avremo due appuntamenti che vogliamo ricordare a cui saremo invitati: giovedì sera alle ore 21.00 in chiesa parrocchiale (non ci sarà il rosario in Santuario) una veglia vocazionale gestita dalle suore elisabettine con la collaborazione di alcune giovani della nostra parrocchia. Il secondo appuntamento domenica 8 maggio con la testimonianza di Suor Martina in alcune Messe. Continuiamo a pregare perché i giovani scoprano la propria vocazione e la vivano in pienezza.

 

Il mese di Maria trova nel nostro Santuario delle Grazie sempre un punto di riferimento, di preghiera comunitaria e di intercessione. Anche i vari capitelli, sparsi nel territorio della nostra parrocchia, potranno diventare luoghi di incontro e di affidamento. Quest’anno sentiamo la intima necessità di affidarci alla nostra Madre celeste e invocare con più forza la riconciliazione e la pace, nel cuore di ognuno e nelle nostre famiglie, quartieri e contrade, fra i popoli e le nazioni. Tutte le sere l’appuntamento sarà in Santuario alle ore 21.00, anche con la presenza di altre parrocchie e gruppi. I sabati mattina saranno invitate in modo speciale le parrocchie della nostra Unità Pastorale: inizierà proprio la parrocchia di Villafranca sabato 7 maggio alle ore 8.00 con il S. Rosario, poi alle 8.30 la Celebrazione eucaristica che si concluderà con la tradizionale processione e il canto delle litanie prima dell’atto di affidamento presso l’immagine della Madonna della cripta. Il mese di maggio inizierà ufficialmente questa domenica alle ore 18.00 con il Rosario prima della Messa vespertina.
Ecco i giorni e gli orari dei vari capitelli:
Via Po’ (Piazzetta) lunedì ore 20.30
Via Gomiero (Fam. Carlo Sartori) lunedì ore 20.30
Quartiere delle Rose e del Donatore (Fam. Ravazzolo) lunedì ore 20.30
Via Fogazzaro e via Roma (Fam. Sandro Nicolè) lunedì ore 20.30
Via Cappellaro e San Michele (Fam. Fabris) lunedì e giovedì ore 20.30
Via Scalona (Fam. Rizzi) mercoledì ore 20.30
Quartiere Bachelet (Parco) giovedì ore 20.45.

Il mese di Maria trova nel nostro Santuario delle Grazie sempre un punto di riferimento, di preghiera comunitaria e di intercessione. Anche i vari capitelli, sparsi nel territorio della nostra parrocchia, potranno diventare luoghi di incontro e di affidamento. Quest’anno, dopo due anni di pandemia e in un contesto in cui la violenza raggiunge le situazioni estreme della guerra e dell’anti-fraternità umana, sentiamo la intima necessità di affidarci alla nostra Madre celeste e invocare con più forza la riconciliazione e la pace, nel cuore di ognuno e nelle nostre famiglie, quartieri e contrade, fra i popoli e le nazioni. Tutte le sere l’appuntamento sarà in Santuario alle ore 21.00, anche con la presenza di altre parrocchie e gruppi. Abbiamo inoltre la gioia di avvisare che a partire da sabato 30 aprile riprenderemo la tradizionale processione con il canto delle litanie prima dell’atto di affidamento presso l’immagine della Madonna della cripta. Per organizzare debitamente il mese di maggio convochiamo tutti i referenti dei capitelli martedì 26 aprile alle ore 18.00 in patronato.

Pur consapevoli che non siamo ancora usciti completamente da una situazione pandemica (a Villafranca ci sono ancora parecchi casi, anche se lievi) tuttavia è arrivata la cessazione dello stato di emergenza e questo ci permette di allentare un attimo le rigorose disposizioni per i nostri incontri e celebrazioni. Non vogliamo abbassare la guardia (igienizzazione delle mani, mascherina, prudente distanza, sanificazione degli ambienti, ecc.) ma allo stesso tempo diamoci fiducia per una partecipazione serena e numerosa alle festività pasquali. Nell’edizione pasquale del 7 Giorni daremo indicazioni ancora più precise.

Per chi desidera aiutare i profughi che sono in fuga dalla guerra in Ucraina prosegue la Raccolta umanitaria organizzata a livello comunale.
Anche la Caritas diocesana si è mobilitata e afferma che un canale molto efficace sono donazioni in denaro attraverso le quali portare avanti progetti mirati. Ecco come:
1. bonifico bancario (intestato a Caritas – Diocesi di Padova) presso: Banca Etica filiale di Padova IBAN: IT58 H050 1812 1010 00011004 009, causale: EMERGENZA UCRAINA.
2. Bollettino postale sul conto n° 102 923 57 (intestato a Caritas diocesana di Padova), causale: EMERGENZA UCRAINA.
3. Per usufruire della detrazione si può fare la donazione all’associazione Adam Onlus tramite bonifico presso Banca Intesa San Paolo IBAN: IT 23 O030 6912 1691 0000 0002 280. Nella causale: donazione liberale per accoglienza ragazzi in Seminario - (Nome Cognome + codice fiscale).
Infine se qualche famiglia fosse disposta ad accogliere qualche profugo, nel caso venga richiesta la necessità, me lo segnali. Grazie
 

Come ogni anno, nel tempo che precede la Settimana Santa ci diamo l’opportunità di regalarci un momento di pace frutto dell’incontro con il Signore della misericordia. Non sono mancate occasioni per i giovani e i ragazzi ma vorremmo offrire qualche momento pure per gli adulti. Le celebrazioni comunitarie della Riconciliazione saranno:
-martedì 5 aprile alle ore 21.00 a Villafranca;
-mercoledì 6 aprile alle ore 21.00 a Taggì di Sopra;
-giovedì 7 aprile alle ore 21.00 a Taggì di Sotto;
-sabato 9 aprile alle ore 21.00 a Ronchi.

E’ un appuntamento vicariale atteso e partecipato quello della Via Crucis che riunisce le nostre parrocchie nel tempo quaresimale. Quest’anno ospitiamo noi questo evento nella nostra suggestiva Via Crucis monumentale venerdì 2 aprile alle ore 21.00. Giocando in casa sarebbe bella una nostra significativa partecipazione. La Via Crucis del pomeriggio sarà sostituita da questa serale.

Signore, sorgente della giustizia e principio della concordia, apri il cuore degli uomini al dialogo e sostieni l’impegno degli operatori di pace, perché sul ricorso alle armi prevalga il negoziato, sull’incomprensione l’intesa, sull’offesa il perdono, sull’odio l’amore. Dio dei nostri Padri, Signore della pace e della vita, Padre di tutti.
Tu condanni le guerre e abbatti l’orgoglio dei violenti. Ascolta il grido unanime dei tuoi figli, supplica accorata di tutta l’umanità: mai più la guerra, avventura senza ritorno, mai più la guerra, spirale di lutti e di violenza. (San Giovanni Paolo II)

Il Collegamento Regionale dei santuari del Triveneto che si è ritrovato mercoledì 16 marzo 2002 presso la Basilica di Sant’Antonio in Padova, guidato da fr. Flaviano Giovanni Gusella, Rettore del Santuario di S. Leopoldo Mandić in Padova, consigliere nazionale e delegato del CNS per il Veneto, con la partecipazione di Mons. Giampaolo Crepaldi vescovo di Trieste e delegato CET per i santuari, intende sostenere coralmente l’iniziativa del Santo Padre del 25 marzo prossimo, giorno in cui, rispondendo all’istanza dei vescovi ucraini, consacrerà al Cuore Immacolato di Maria la Russia e l’Ucraina.

Riteniamo importante sostenere questa iniziativa per la causa urgente della pace e la necessità di fermare lo spargimento di altro sangue innocente. Per questo, uniti a tanti Santuari nel mondo, ci daremo appuntamento Venerdì 25 alle ore 20.30 presso il nostro Santuario per invocare la Madonna delle Grazie affinché possa intercedere a favore della pacificazione dei cuori e portare l’umanità di oggi verso un futuro più concorde e fraterno. Per dare più forza alla nostra preghiera, per chi desidera e può, unirà anche un gesto di digiuno. Alle ore 21.15 faremo, sempre in Santuario, a continuazione, un’assemblea parrocchiale aperta, per vedere cosa possiamo fare come parrocchia di fronte a questa catastrofe umanitaria. Ci sentiamo tutti convocati.

Abramo dialoga con Dio, esprimendo la confidenza e l’amicizia che ha con Lui. E’ bello vedere come Abramo non tiene per sé questa amicizia, ma la condivide con gli altri, mostrando così la sua passione per l’umanità e diventando benedizione per tutti. Il nostro padre nella fede ci insegna l’atteggiamento della INTERCESSIONE, l’atteggiamento di chi si ‘mette in mezzo’, si lascia coinvolgere, per prendersi cura dell’altro, iniziando a pregare per lui e per aprire nuove strade di vita, di dignità, di libertà per tutti. Vorremmo dire come Francesco d’Assisi: Signore, fai di me uno strumento della tua pace. Segnaliamo due possibilità comunitarie di preghiera e di intercessione, senza togliere niente a iniziative personali o in famiglia: Mercoledì alle ore 21.00 in Santuario una Via Crucis e l’adorazione per la conclusione per ogni tipo di conflitto; inoltre la proposta della preghiera mariana venerdì 25 marzo, solennità dell’Annunciazione, alle ore 20.30, sempre in Santuario.

Per chi desidera aiutare i profughi che sono in fuga dalla guerra in Ucraina, principalmente donne e bambini, prosegue la Raccolta umanitaria organizzata a livello comunale con la collaborazione di tutte le associazioni presenti nel territorio. Per ulteriori dettagli si veda la locandina presente sia nei canali social dell’amministrazione che in chiesa. Il centro di raccolta è attivo venerdì e sabato, mattina e pomeriggio, presso le ex scuole elementari di Taggì di Sotto. Anche la Caritas diocesana si è mobilitata (in collaborazione diretta con la Caritas in Ucraina) e afferma che un canale molto efficace sono donazioni in denaro attraverso le quali portare avanti progetti mirati.
Chi desidera può contribuire all’emergenza con donazioni attraverso i canali della Caritas diocesana:
1. bonifico bancario (intestato a Caritas – Diocesi di Padova) presso: Banca Etica filiale di Padova IBAN: IT58 H050 1812 1010 00011004 009, causale: EMERGENZA UCRAINA.
2. Bollettino postale sul conto n° 102 923 57 (intestato a Caritas diocesana di Padova), causale: EMERGENZA UCRAINA.
3. Per usufruire della detrazione si può fare la donazione all’associazione Adam Onlus tramite bonifico presso Banca Intesa San Paolo IBAN: IT 23 O030 6912 1691 0000 0002 280. Nella causale si inserisca:
donazione liberale per accoglienza ragazzi in Seminario da parte di (Nome Cognome + codice fiscale).
Infine se qualche famiglia fosse disposta ad accogliere qualche profugo, nel caso venga richiesta la necessità, me lo segnali. Grazie