Notizie Flash

01

Maggio

2016

Ricevimento don Giuseppe

Don Giuseppe è disponibile a ricevere le persone Martedì e Mercoledì dalle 17.00 alle 18.30 o su appuntamento.

03

Marzo

2017

Intenzioni Sante Messe

Normalmente le intenzioni delle Sante Messe vengono raccolte il lunedì mattina dalle 9.00 alle 11.00. Da questa settimana, sempre in ufficio del don, c’è una persona disponibile allo stesso orario ogni giovedì.

03

Aprile

2017

Nuova vita

Se c’è qualche nuova vita che è sbocciata nelle vostre famiglie, potete segnalare in parrocchia la nascita del vostro figlio/a e così faremo festa insieme suonando le campane

12

Novembre

2017

Orari messe

Attenzione agli orari delle S. Messe festive: Sabato sera è alle ore 18.30 in Parrocchia; Domenica sera è alle ore 18.00 in Santuario.

12

Febbraio

2018

Iscrizione al Grest 2018

Don Giuseppe è disponibile per l’iscrizione al Grest da parte dei giovanissimi interessati nei pomeriggi di martedì, mercoledì e venerdì dalle 16.30 alle 18.00. Il loro primo incontro formativo sarà domenica 18 febbraio in patronato alle ore 15.00.

22

Luglio

2018

Saluti

Reduce dell’esperienza di visita dei nostri missionari in Ecuador, riporto i saluti di Suor Francesca Violato che ringrazia per la nostra preghiera e l’aiuto (abbiamo consegnato 500 dollari) in favore dei progetti che le Suore Elisabettine stanno portando avanti nella periferia della città di Guayaquil.

22

Luglio

2018

Comunione agli ammalati

Ricordo che porteremo la S. Comunione agli ammalati il primo venerdì di agosto (3 agosto) in occasione della pre-vigilia della Festa paesana dei Ferai.

22

Luglio

2018

Saluti

Salutiamo Padre Hilaire Hien, presbitero del Burkina Faso, che passerà alcuni giorni di vacanza tra noi, come già due anni fa. Ci accompagnerà in qualche Eucaristia e celebrazione.

22

Luglio

2018

Grazie a chi ha contribuito

Grazie a chi ha contribuito: grest progetto aiuto bambini Siria 550€; contributo Mercatino Caritas per la Scuola dell’Infanzia 640 €; benedizione famiglie 310€; sacramenti 350€.

Don Giuseppe

Il Vangelo ci invita a riconoscere la verità del nostro cuore, per vedere dove riponiamo la sicurezza della nostra vita.
Normalmente il ricco si sente sicuro con le sue ricchezze, e pensa che quando esse sono in pericolo, tutto il senso della sua vita sulla terra si sgretola.
Gesù stesso ce l’ha detto nella parabola del ricco stolto, parlando di quell’uomo sicuro di sé che, come uno sciocco, non pensava che poteva morire quello stesso giorno.
Le ricchezze non ti assicurano nulla. Anzi, quando il cuore si sente ricco, è talmente soddisfatto di sé stesso che non ha spazio per la Parola di Dio, per amare i fratelli, né per godere delle cose più importanti della vita. Così si priva dei beni più grandi.


Per questo Gesù chiama beati i poveri in spirito, che hanno il cuore povero, in cui può entrare il Signore con la sua costante novità.
Questa povertà di spirito è molto legata con quella “santa indifferenza” che proponeva sant’Ignazio di Loyola, nella quale raggiungiamo una bella libertà interiore: «Per questa ragione è necessario renderci indifferenti verso tutte le cose create (in tutto quello che è permesso alla libertà del nostro libero arbitrio e non le è proibito), in modo da non desiderare da parte nostra più la salute che la malattia, più la ricchezza che la povertà, più l’onore che il disonore, più la vita lunga piuttosto che quella breve, e così in tutto il resto».


Luca non parla di una povertà “di spirito” ma di essere «poveri» e basta (cfr Lc 6,20), e così ci invita anche a un’esistenza austera e spoglia.
In questo modo, ci chiama a condividere la vita dei più bisognosi, la vita che hanno condotto gli Apostoli e in definitiva a conformarci a Gesù, che «da ricco che era, si è fatto povero». Essere poveri nel cuore, questo è santità

Iscriviti alla nostra newsletter