L’ACR inizia alla grande con la mega festa del CIAO, quest’anno con sorprendenti novità.
L’appuntamento per domenica 16 ottobre, mattina e pomeriggio; invitati speciali tutti i ragazzi, compresi quelli della Iniziazione cristiana; nel pomeriggio coinvolti anche i genitori.
Non mancate!

L’immagine di riferimento di questi suggerimenti può essere rintracciata nell’esperienza pasquale descritta dagli Atti degli Apostoli, dove una Chiesa embrionale vive con semplicità e familiarità la novità della Risurrezione. Nel tempo di Pasqua vorremmo sottolineare ed evidenziare particolarmente due attenzioni:

  1. la preghiera nelle case e il prendere i pasti in letizia

  2. l’attenzione alle necessità delle persone e condivisione dei beni (prossima settimana).

 

1. «Erano perseveranti e concordi nella preghiera» (Atti 1,14).

La preghiera nelle case e il prendere i pasti in letizia

 

Per quanto riguarda la preghiera personale e in famiglia, suggeriamo alcune possibilità.

1. Continuiamo a custodire “l’angolo bello”, come spazio significativo della casa, luogo di preghiera e di incontro con il Signore e tra di noi. Nel Tempo di Pasqua possiamo usare ancora le due invocazioni allo Spirito Santo (Vieni, o Spirito creatore e Vieni Spirito Santo), già suggerite nel testo diocesano “Dove vuoi che prepariamo per la Pasqua?”.

2. Valorizziamo l’ascolto e la condivisione della Parola di Dio, con particolare attenzione al libro degli Atti. Ci sembra interessante proporre la lettura continuativa degli Atti degli Apostoli in famiglia e anche personale, magari seduti intorno all’“angolo bello”.

3. Nel giorno del Signore Risorto, la domenica, possiamo mettere un cero in centro tavolo e preparare un posto vuoto a tavola. La luce rappresenta Gesù Risorto che illumina il nostro tempo; il posto vuoto sono gli altri, le relazioni che ci mancano e desideriamo. Si può fare una preghiera assieme attorno alla tavola e benedire in modo semplice la famiglia e il pane che viene spezzato.

4. Chi desidera e può si unisca alla preghiera ufficiale della Chiesa con la Liturgia delle Ore.

5. Va anche tenuto presente il vicino mese di maggio, dedicato a Maria, Madre del Risorto e al Rosario, che diventa una bella occasione di preghiera in casa.

Il presente bollettino parrocchiale pasquale, si può trovare in modalità cartacea in Chiesa e in Santuario; inoltre si può pure scaricare dal sito della parrocchia (www.upvillafranca.it).

 

In questi giorni santi abbiamo riscoperto la nostra famiglia come una ‘chiesa domestica’, come una piccola comunità cristiana, che si vuole bene, nella quale ci si aiuta (e sopporta con amorevolezza), si vive la fede e la si esprime pure con momenti e gesti di preghiera. Con la proposta dell’ “Angolo Bello” abbiamo vissuto concretamente tutto questo. Perché allora non continuare ad avere qualche appuntamento, davanti all’angolo bello, in modo personale o famigliare che possa unire attorno a Gesù, nella preghiera, la nostra famiglia e anche la nostra comunità, famiglia di famiglie? Rilanciamo la palla in questa settimana dell’Ottava.

Nelle restrizioni del momento abbiamo comunque una risorsa importante: la possibilità di vivere questi giorni a casa. Stiamo riscoprendo la nostra famiglia come una ‘chiesa domestica’, come una piccola comunità cristiana, che si vuole bene, nella quale ci si aiuta (e sopporta con amorevolezza), si vive la fede e la si esprime pure con momenti e gesti di preghiera.

Questo opuscolo della Settimana Santa preparato dalla Diocesi, assieme al presente bollettino parrocchiale pasquale, si possono trovare in modalità cartacea in Chiesa e in Santuario; inoltre (da sabato 4 aprile in poi) sono reperibili presso il panificio Bortoletto e dalla Grazia; anche all’ingresso (presso la cassa) del supermercato Despar presente qui a Villafranca Padovana. Infine il bollettino 7 Giorni si può pure scaricare dal sito della parrocchia (www.upvillafranca.it) e l’opuscolo diocesano digitando su GOOGLE “Dove vuoi che celebriamo la Pasqua Diocesi di Padova” o sul sito della parrocchia anche attraverso questo link.

Domenica prossima, nel pomeriggio alle 15.30, ci sarà un bell’appuntamento per tutte le coppie, le famiglie, i genitori dei ragazzi della Iniziazione Cristiana nella Sala Polivalente di Taggì di Sopra. Avremo tra noi Padre Stefano Nava OFM, ex responsabile delle missioni al popolo dei frati francescani che ci parlerà di “storie di matrimoni che fanno gioire Dio (e gli sposi)”.

Incontro preparazione al Natale    

.

Questa domenica 31 maggio, vivremo la grande Festa solenne di Pentecoste, pienezza della Pasqua nel dono dello Spirito Santo. Sabato sera, 30 maggio, abbiamo anche la bella e suggestiva Veglia Vicariale: l’appuntamento è a Ronchi per le ore 21.00 all’aperto, per invocare tutti insieme un rinnovato dono dello Spirito sui credenti, sulla chiesa e sul mondo di oggi. Siamo tutti invitati. Domenica 31 è pure l’ultimo giorno del mese dedicato a Maria per cui si voleva sottolineare la nostra riconoscenza alla Madre Celeste con una celebrazione particolare. Il Consiglio Pastorale ha deliberato che si realizzi alle ore 20.30 (spostando dal solito orario delle 18.30) in Via Crucis, per favorire maggiormente la partecipazione del popolo (solo in caso di brutto tempo sarà in Santuario). Ad ogni modo, per le persone anziane è possibile partecipare da dentro il Santuario e con le porte aperte.

Domenica 31 maggio, vivremo la grande Festa solenne di Pentecoste, pienezza della Pasqua nel dono dello Spirito Santo. Ci prepareremo anche con una bella e suggestiva Veglia Vicariale, sabato 30 maggio alle ore 21.00 a Ronchi di Villafranca (sentiamoci invitati). Domenica 31 è pure l’ultimo giorno del mese dedicato a Maria per cui si voleva sottolineare la nostra riconoscenza alla Madre Celeste con una celebrazione particolare. Il Consiglio Pastorale ha deliberato che si realizzi alle ore 20.30 (spostando dal solito orario delle 18.30) in Via Crucis, per favorire maggiormente la partecipazione del popolo. Martedì 26 ci troveremo pure tra educatori, catechisti, e accompagnatori per verificare il cammino svolto sino a qui e per vedere come terminare l’anno catechistico dando uno sguardo anche all’estate in questa situazione inedita sia per i ragazzi che per le loro famiglie.

Domenica 31 maggio, vivremo la grande Festa solenne di Pentecoste, pienezza della Pasqua nel dono dello Spirito Santo. Ci prepareremo anche con una bella e suggestiva Veglia Vicariale, sabato 30 maggio alle ore 21.00 a Ronchi di Villafranca (sentiamoci invitati).  Domenica 31 è pure l’ultimo giorno del mese dedicato a Maria per cui si voleva sottolineare la nostra devozione alla Madre Celeste con una celebrazione particolare. Ne parleremo con il Consiglio Pastorale per vedere cosa sarà più opportuno proporre.

Nei prossimi giorni ci troveremo pure tra catechisti, educatori ed accompagnatori per verificare il cammino svolto sino a qui, pur in forme molto ridotte e virtuali, obbligati dalla situazione che conosciamo. Cercheremo di riflettere su come terminare l’anno catechistico ed eventualmente cosa offrire per l’estate dal momento che si vivrà una situazione inedita sia per i ragazzi che per le loro famiglie. Ci aggiorniamo prossimamente.

Ed ecco la proposta significativa che vi vogliamo offrire per questi giorni: preparare “l’angolo bello” della vostra casa, un luogo semplice, in vista, curato, dove porre i segni di una presenza (una bibbia aperta, una lampada che si può accendere, una croce, dei fiori, un’immagine, un’icona, magari un ulivo il giorno delle Palme o un pezzo di pane, ecc.) da valorizzare soprattutto per qualche momento di preghiera personale o insieme magari aiutati dall’opuscolo preparato dalla diocesi (“Dove vuoi che prepariamo la Pasqua?”) per vivere meglio in famiglia questi santi giorni.