Carissimi amici, siamo arrivati al cuore dell’estate anche quest’anno e noi non potevamo non farci vivi con la manifestazione più attesa e partecipata della comunità di Villafranca.
In questi  ultimi tempi si sta parlando abbastanza delle sagre, nei suoi aspetti belli e nelle sue fatiche.
Da una parte una generosità encomiabile di tantissime persone che si mettono al servizio con gratuità per la riuscita di un evento portatore di gioia e di soddisfazione; dall’altra il peso di una organizzazione sempre più complessa e impegnativa da gestire e portare avanti con responsabilità e competenza.
In ogni caso sentiamo che la sagra resta un appuntamento inaggirabile, espressione di una comunità cristiana che sa stare insieme, all’insegna dell’amicizia e del lavoro volontario, per creare spazi di incontro e di sana festa paesana.
E per non scostarci dal percorso fatto durante l’anno pastorale vorremmo vivere questi giorni proprio come un esercizio di fraternità, dove ci alleniamo a intessere rapporti di collaborazione che ci aiutino a crescere nella fiducia reciproca e nell’apertura verso gli altri, con tutti.
I piatti forti che offriamo sono quelli che conosciamo: il degustare pietanze di primo livello, musica per giovani e non, ricchi premi alla lotteria e il tocco di storia paesana attraverso una mostra fotografica che presenta immagini significative delle famiglie di Villafranca del nostro recente passato.
Infine per non dimenticare il senso forte della nostra sagra, oltre alle celebrazioni religiose della domenica 5 agosto in Santuario (la Sagra dei Ferai non lo dimentichiamo trova proprio lì la sua origine e ispirazione), inizieremo con il piede giusto giovedì 2 agosto con una Eucaristia di apertura nel giorno in cui rilanciamo la prima serata all’insegna della comunità che cerca di vivere la fraternità.
A questo punto possiamo dire che non manca proprio niente, a parte una cosa: la tua presenza per fare la festa ancora più bella.
Ti aspettiamo!